• Subcribe to Our RSS Feed

Meditazione di mons. Pizzaballa: Battesimo di Gesù

Gen 6, 2018   //   by mauro   //   Bollettino Parrocchiale, Riflessioni  //  No Comments

Nel Vangelo di Marco, il racconto del Battesimo di Gesù presenta notevoli differenze rispetto agli altri sinottici.

In Matteo e Luca, innanzitutto, il Battesimo è preceduto di racconti della nascita di Gesù, che presentano in sintesi la figura di questo personaggio che sta per entrare in scena.

In Marco questo non avviene, e Gesù entra in scena direttamente qui, con il Battesimo.

Entra in scena, e nessuno sembra accorgersi della sua presenza: è talmente uno come tutti gli altri, uno di quei “tutti” (Mc 1,5) che accorrono dal Battista per ricevere il battesimo, che nessuno lo nota.

Neppure Giovanni, che pure lo sta attendendo e sta parlando di Lui.

Manca quindi quel dialogo che i sinottici sottolineano, quello in cui il Battista dice le sue perplessità nell’accogliere Gesù nel suo rito battesimale.

Come negli altri sinottici, al Battesimo corrisponde un’epifania, una manifestazione solenne di Dio: il Padre vede il Figlio immerso completamente nell’esperienza umana, e dice tutta la sua compiacenza. Ma anche qui, a differenza dei sinottici, l’unico ad accorgersi di questo evento è Gesù stesso: Lui solo vede i cieli aperti e sente la voce del Padre (Mc 1,10).

Ma c’è un’altra differenza.

Mentre in Matteo e in Luca i cieli si aprono, in Marco c’è uno squarcio. E squarcio dice tutta la forza di uno strappo, di un’apertura che non si può più ricomporre. Questa espressione (skizo) ritorna in Marco una sola seconda volta, in un passaggio importante: alla morte di Gesù, il velo del tempio si “squarcia” (Mc 15,38) in due, da cima a fondo.

Cosa può voler dire questo collegamento? Il velo, nel tempio delimitava l’accesso all’area sacra, nella quale nessuno poteva entrare, era il Luogo della presenza di Dio. Il cielo, il velo, sono insomma entrambi confini che delimitano la terra e il cielo, Dio e l’uomo, il sacro e il profano: li delimitano, e in qualche modo li separano.

È questa barriera che qui viene squarciata, ed è questa la buona notizia (Mc 1,1) che Gesù è venuto a portare: da oggi, con questo gesto umile, in cui Dio sceglie di condividere la fragilità del nostro essere persone segnate dal peccato, accade uno squarcio, un parto. Finisce un mondo e inizia la gestazione di un altro, inizia qualcosa di nuovo, di cui non sappiamo ancora nulla, se non che unirà il cielo e la terra, Dio e l’uomo.

Uno squarcio che troverà il suo compimento sulla croce, quando Dio prenderà su di sé la nostra maledizione, e in cambio ci darà la sua vita: lì ogni barriera andrà definitivamente in frantumi, cielo e terra saranno veramente una cosa sola.

È questo squarcio, dunque, il primo elemento che collega il Battesimo con la croce; ma non è l’unico.

“Battesimo” è il solo nome che Gesù dà alla passione, e ne parla rispondendo ai figli di Zebedeo (Mc 10,38-39), che gli chiedono di partecipare alla sua gloria: questo battesimo, che per ora solo Gesù sta per attraversare, è il passaggio che attende tutti. Per chi vuole entrare nella vita nuova, nella gloria, questa è la porta.

Inoltre, sia nel Battesimo che sulla croce c’è la presenza dello Spirito: qui, nel Battesimo, scende su Gesù sotto forma di colomba (Mc 1,10); sulla croce sarà Gesù stesso a donarlo a tutti, “spirando” (Mc 10, 37.38).

Lo Spirito è proprio la vita nuova che nasce dallo squarcio, che attraverso lo squarcio può di nuovo circolare ed unire: un’unica vita, la vita di Dio, circola ora tra Dio e l’uomo, come tra la vite e i suoi tralci (cfr. Gv 15).

Infine, un ultimo elemento. Dopo lo squarcio c’è una solenne proclamazione di Gesù come “Figlio di Dio”: qui è il Padre a farlo, sulla croce sarà un centurione, un pagano (Mc 15,39); come se Dio fosse riconoscibile proprio da qui, da questa sua capacità di squarciare i cieli e i veli, di dare lo Spirito. E sia il cielo che la terra lo riconoscono da questo segno, come se sia il cielo che la terra non tendano ad altro che a questa unità profonda. Il Padre lo riconosce come Figlio, e così anche il centurione, il pagano, il lontano. Uno che squarcia il cielo non può essere se non il Figlio di Dio.

Tutto questo, abbiamo detto, solo Gesù lo coglie.

Per tutti gli altri, forse, questa epifania, così all’inizio, è troppo forte, troppo luminosa, come lo era la manifestazione di Dio sul Sinai; e ci vuole tutto il tempo e tutto il cammino del Vangelo per poter entrare in questa nuova creazione dove cielo e terra sono di nuovo vicini, comunicanti.

Il Battesimo di Gesù è l’annuncio di un’unità rinnovata tra cielo e terra, tra Dio e l’uomo, tra Creatore e creatura. E tale unità è attuata da Dio stesso, fatto bambino, manifestato ai pastori e al mondo intero e oggi consegnato e avviato alla sua missione redentrice, che dal Giordano lo porterà a Gerusalemme, dove l’amore di Dio si manifesterà senza veli.

+Pierbattista

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

error:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi